Materassi - Guido Garau Arredamenti - Arredamenti personalizzati e su misura.

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Materassi - Guido Garau Arredamenti

 
 

Scegli il tuo materasso sul sito www.dorelan.it
e vieni a provarlo a Sassari in Via Budapest, 3/b c/o il centro Dorelanbed !!!!!


 

COME SCEGLIERE IL MATERASSO GIUSTO E VIVERE FELICI!


Il modo giusto per scegliere il materasso? Provarlo, sperimentando di persona. Sdraiandosi sul materasso che ospiterà il nostro corpo per almeno sette-dieci anni, il fisico e la mente registrano immediatamente le sensazioni più rimarchevoli, quelle che determineranno comunque il livello di comfort prima che la forza dell'abitudine arrivi a modificarle. La scelta, va detto, è sempre individuale e soggettiva . La validità di questa pratica è ormai riconosciuta da tutti e il perchè è presto detto. Il maggiore beneficiario è ovviamente l'acquirente finale, che può in questo modo evitare di compiere una scelta avventata o determinata dalla moda oppure dai consigli di amici e parenti e, invece, imparare a dare ascolto a se stesso e al proprio corpo.

LE VERIFICHE DI BASE
Ci sono alcune semplici verifiche che è opportuno fare in prima persona. E' importante controllare che:
- il materasso abbia finiture ed esecuzione qualitativamente idonee, e non presenti difetti visibili ad occhio nudo quali strappi, macchie, maniglie strappate o parti scucite;
- il tessuto di rivestimento si presenti resistente all'usura e consenta la traspirazione;
- l'informazione sia completa e trasparente: ogni materasso deve essere accompagnato dalla scheda prodotto, che fornisce informazioni su come è costruito e con quale materiale, sulle modalità di uso e manutenzione;
- il suo prezzo sia congruo rispetto alla qualità del manufatto. Prezzi troppo bassi, al di sotto di una certa soglia, spesso nascondono pessimi affari;
- sia stato prodotto da un'azienda specializzata, con competenza ed esperienza non improvvisate;
- ci sia una garanzia ( di che durata e di che tipo);


L'IMPORTANZA DEL SUPPORTO
Se il materasso giusto è fondamentale per il benessere, non meno importante è il supporto del materasso stesso. Non esiste un tipo di supporto migliore di un altro in assoluto; gli esperti però concordano sulla validità delle doghe di legno. Il legno è un materiale naturale, non conduttore ( evita la formazione di campi magnetici ed elettricità statica) e ben traspirante. Il faggio è tra le essenze la più idonea e pregiata per costruire reti e supporti duraturi e capaci di sopportare le sollecitazioni del corpo. Le doghe offrono un sostegno equilibrato, e nelle versioni più evolute permettono di regolare con dei cursori di gomma l'elasticità delle diverse zone. Per i materassi in lattice o poliuretano sono preferibili le reti multilistello (con tante piccole doghe) per una migliore traspirabilità ed elasticità. Invece per i materassi a molle indipendenti è meglio scegliere una base più uniforme possibile, con doghe larghe e distanziate non più di 5-6 cm.

MATERASSO A MOLLE

E' la tipologia più conosciuta. Tradizionalmente, le molle che costituiscono l'anima centrale del materasso, possono essere di 3 tipi:
Molle Bonnel, con forma biconica o a "clessidra"
Molle Lfk leggere e flessibili di forma cilindrica
Molle indipendenti, con forma cilindrica o a botte , ciascuna delle quali avvolta in un fodero di tessuto. La struttura indipendente si adatta meglio alla forma del corpo e riduce la trasmissione dei movimenti del partner.
La struttura complessiva del materasso a molle è composta da uno strato estreno di tessuto, uno strato di imbottitura in fibra naturale (con differenziazione del lato estivo e invernale) o anallergica, uno strato ammortizzante di schiuma, uno strato isolante in feltro che ripartisce i pesi, e infine il molleggio. Le fasce laterali richiudono il tutto e irrobustiscono i bordi.

MATERASSI IN LATTICE

Il lattice può essere naturale (più elastico) o di sintesi con molecola riprodotta in laboratorio (più stabile). Il lattice offre un buon grado di comfort e di sostegno, è un materiale che è lavorato senza la minima produzione di residui tossici e possiede intrinseche caratteristiche che garantiscono un sano e confortevole riposo. La sua particolare conformazione ad alveoli è in grado di garantire una perfetta traspirabilità, impedendo l'eccessiva sudorazione e mantenendo costante la temperatura corporea.
E' molto elastico e resiliente (ritorna alla forma originaria) nonchè traspirante e antibatterico. La struttura complessiva del materasso in lattice è composta da uno strato esterno in tessuto, uno strato di imbottitura in fibra naturale ( con differenziazione tra lato estivo e invernale) o anallergica, e dall'anima interna di schiuma di lattice, il cui spessore deve essere almeno di 16 cm. I modelli più recenti, a portanza differenziata, sostengono più armoniosamente le diverse parti del corpo.

MATERASSI IN POLIURETANO

Questi materassi sono sempre più evoluti. L'ultima generazione usa poliuretani ecocompatibili che assicurano grandi vantaggi in praticità e comfort. In particolare, giocando con le diverse densità (concentrazione di materia prima), si possono realizzare dei materassi multizona , cioè con diversi livelli di durezza e flessibilità a seconda della parte del corpo accolta. Con schiume a cellula aperta e appositi canali di ventilazione, questi materassi hanno un ottima traspirazione e la capacità di disperdere l'umidità ed il calore creando le condizioni ideali per eliminare l'insorgere di acari e altre cause di allergie. E' un materiale indeformabile, è in grado di ritornare alla sua forma originaria in modo graduale e costante, è termovariabile, il calore del corpo umano influenza la struttura molecolare di questo materiale che si modella fino a seguirne perfettamente la forma. Il peso del corpo è così distribuito su tutta la superficie del materasso evitando punti di stress e tensioni muscolari.
La struttura complessiva del materasso è composta da uno strato esterno in tessuto, uno strato di imbottitura in fibra naturale ( con differenziazione del lato estivo e del lato invernale ) o anallergica e dall'anima interna, costituita da una lastra di poliuretano in monoblocco o a moduli combinati, il cui spessore deve essere almeno di 16 cm. I modelli più recenti, a portanza differenziata e con modellatura ad hoc, sostengono più armoniosamente le diverse parti del corpo ed hanno spessori che partono da 20 cm per arrivare anche a 30 cm..

MATERASSI DI ALTRI TIPI, VECCHI E NUOVI.

I tradizionali e costosi materassi in lana , benchè caldi e morbidi, si deformano troppo velocemente e sono ormai poco usati. Sempre più diffusi invece sono i materassi in materiali compositi, come ad esempio abbinamenti di molle indipendenti e memory foam, poliuretano e molle per citarne alcuni. Parlando invece dei rivestimenti, un posto speciale è riservato ai nuovi tessuti costruiti con l'impiego di fibre naturali e di tecnologie applicative innovative che hanno proprietà termoregolanti, antistatiche, antibatteriche e di contrasto dei cattivi odori.


MATERASSI ANTIDECUBITO.

Un materasso antidecubito , anche a termini di legge, è un dispositivo medico per prevenire le lesioni cutanee derivate da lunghe permanenze a letto. E' progettato per distribuire al massimo la pressione di contatto, per ridurre gli attriti, disperdere il calore e l'umidità e naturalmente favorire il mantenimento della postura corretta.
- Quando è detraibile la spesa per il materasso?
Solo se il materasso è ad uso terapeutico ed è quindi classificato come antidecubito. Il consumatore deve avere la prescrizione medica, oltre ovviamente alla fattura o allo scontrino fiscale, si può usufruire in questo modo di una detrazione pari al 19% dell'imponibile sull'imposta Irpef.

MATERASSI PER BAMBINI.

Il materasso giusto è fondamentale negli anni dello sviluppo di un bambino. La norma UNI 11036 è dedicata espressamente all'argomento e ne fissa le caratteristiche: ad esempio le dimensioni, i materiali atossici e antiallergici e gli aspetti costruttivi legati alla sicurezza (lacci,bottoni, ecc.)Nei primi anni di vita è bene che i materassi delle culle siano in materiale anallergico e traspirante come il lattice o il myform per permettere la giusta traspirazione del bambino. Fino ai 3 anni, la truttura deve sostenere il corpo in modo uniforme, con spessore di almeno 12 cm e, per aiutare le mamme, rivestimenti lavabili in lavatrice. Dai 3 anni in poi bisogna tener conto della crescita, evitando i materassi troppo cedevoli, e anzi preferendo quelli capaci di sostenere la colonna vertebrale evitandone le deformazioni.

MATERASSI E GRAVIDANZA

Il materasso deve sostenere un corpo in progressiva trasformazione per peso, volume e bilanciamento, assicurando il massimo riposo alla futura mamma, evitando possibili lombalgie e favorendo la circolazione. La tipologia di materasso probabilmente più idonea è quella a molle indipendenti con portanza differenziata a più zone. Meglio ancora se con struttura integrata da strati di schiuma elastica a portanza differenziata, abbinati a fodere in tessuto con proprietà anallergiche, antibatteriche e traspiranti.

LE FIBRE NATURALI PER RIVESTIMENTI E IMBOTTITURE

Durante il sonno si perdono, tramite la sudorazione, fino a 3/4 di litro di liquidi. Utilizzare materiali naturali molto traspiranti aumenta quindi il benessere notturno. Le fibre naturali sono ideali per le imbottiture e i rivestimenti dei materassi e guanciali, specie se combinate tra loro  in modo da esaltarne le caratteristiche. Lana, cotone, bamboo , fibra di cellulosa ad esempio si comportano molto bene nell'assorbire l'umidità per poi disperderla velocemente, sempre con ottime proprietà anallergiche e antibatteriche.

I GUANCIALI

Un buon guanciale deve adattarsi al profilo della testa e del collo permettendo un sostegno ottimale alla zona cervicale. Per garantire un microclima ideale è bene che il guanciale abbia buone caratteristiche di traspirabilità, mentre dal punto di vista dell'igiene è preferibile che i guanciali vengano protetti da federe perfettamente lavabili ad acqua. E' comunque consigliabile sostituirli dopo qualche anno di utilizzo. I materiali impiegati sono diversi e molte volte vengono usati in combinazione tra loro per sfruttare in modo sinergico le caratteristiche peculiari di ciascun componente. In particolare le schiume viscoelastiche (memory foam) si modellano sotto l'azione della pressione e del calore del corpo, adattandosi al profilo della zona cervicale ed eliminando così i punti di pressione.

FODERE E FEDERE

Le fodere e le federe ottimizzano il rendimento del materasso aumentando il comfort e l'igiene. Le nuove tecnologie permettono di trattare tutti i tipi di tessuto per avere eccellenti performance come ad esempio i tessuti trattati con le resine, eccezionali contro i batteri e gli acari, sono consigliati dai medici allergologi per una corretta igiene del materasso.


LA MANUTENZIONE DEL MATERASSO
Nei primi novanta giorni di vita del materasso, bisogna girarlo (testa/piedi) almeno 2 volte al mese, per consentirne un assestamento equilibrato.
una regolare manutenzione del materasso deve comprendere l'esposizione all'aria: il materasso va lasciato scoperto e rovesciato. Va appoggiato su basi o reti di buona qualità, mai più piccole del materasso stesso. Non bisogna consentire ai bambini di saltare sui materassi, perchè possono provocare danni agli strati interni . Non bisogna usare il battipanni (troppo violento) ma spazzole aspiranti a bassa potenza. Mai bagnare il materasso, nè pulirlo con elettrodomestici al vapore: negli strati si creerebbe una condizione di umidità che darebbe vita a colonizzazione di acari. In caso di macchie, è opportuno consultare le norme d'uso e di manutenzione indicate nella scheda di produzione che accompagna il prodotto. I materassi non vanno arrotolati nè piegati: verrebbero danneggiati gli strati interni.


QUANDO E PERCHE' CAMBIARLO
Per ragioni igieniche, ogni sette-dieci anni il materasso va sostituito. Ma c'è anche il fattore comfort: se ci si alza indolenziti, è bene verificare lo stato di salute del nostro materasso. Il nostro corpo ci segnala infatti in maniera chiara quando il supporto del nostro sonno è inadeguato. Dopo un pò gli indolenzimenti e la continua ricerca della posizione più comoda ci devono indurre a prendere in considerazione la necessità di sostituire il materasso, ovviamente scegliendolo con cura. Per lo smaltimento del vecchio di solito i Comuni di residenza si occupano della raccolta dei rifiuti e dispongono di misure finalizzate alla raccolta dei rifiuti ingombranti.

GLOSSARIO:
ANALLERGICO:                                       
Proprietà di un materiale di non provocare o di contrastare le reazioni allergiche
FIBRE NATURALI:                                   
Fibre che provengono dal mondo vegetale e animale ( lana, cotone, lino, canapa, bamboo ecc.). Appartengono a questa categoria anche le fibre biologiche.
FIBRE ARTIFICIALI:                                
Fibre ricavate da prodotti naturali che hanno subito modificazioni chimiche ( viscosa, rayon, fibre di mais, cellulosa, ecc)
FIBRE SINTETICHE:                                
Fibre ottenute con i processi di polimerizzazione di molecole non presenti in natura (nylon, fibre poliuretaniche, poliestere, ecc)
LATTICE:                                               
Il lattice naturale è il liquido lattiginoso estratto dalla corteccia della Hevea Brasiliensis (albero della gomma o caucciù) e di altre euforbiacee. Per estensione s'intende con questo termine anche la schiuma di lattice che viene utilizzata per i materassi. Il lattice di sintesi è un materiale simile a quello naturale riprodotto in laboratorio                                                                                                                      .
MEMORY FOAM:                                    
Particolare schiuma di poliuretano visco-elastica messa a punto dalla NASA per l'abitacolo delle navicelle spaziali. Si automodella sotto il peso della massa corporea e a contatto con il calore, per poi lentamente ritornare alla sua forma originaria.                                                                                                                                                                                  
MOLLA:                                                
Elemento meccanico che si deforma elasticamente sotto carico e torna alla posizione iniziale quando il carico viene meno.
MOLLA INDIPENDENTE:                         
Molla cilindrica racchiusa in un sacchetto di tessuto
POLIURETANO:                                     
Famiglia di resine sintetiche, inventate da Otto Bayer nel 1935, ottenute dalla polimerizzazione per addizione di isocianati e polioli.
STRATO AMMORTIZZANTE:                    
Strato che può essere realizzato con materiali differenti; ammortizza le sollecitazioni del corpo
STRATO DI IMBOTTITURA:                    
Parte morbida del materasso costituita da fibre naturali o anallergiche; ha una funzione importante per la traspirazione e per il mantenimento costante della temperatura del corpo.
STRATO ESTERNO DEL MATERASSO:      
Parte visibile costituita principalmente da tessuto che risponde a esigenze funzionali ed estetiche.
STRATO ISOLANTE:                              
Strato composto da differenti materiali (lattice, poliuretano,crine, ecc.). Interposto tra la struttura di sostegno del materasso e lo strato esterno ha il compito di isolare la struttura interna e ripartire il peso delle diverse parti del corpo.
STRUTTURA DI SOSTEGNO:                   
Parte interna del materasso che può essere costituita da lastra di poliuretano, memory foam, lattice,molle, molle indipendenti o combinazioni di più elementi.
SUPPORTO:                                          
Piano su cui appoggia il materasso (es. rete a doghe in legno, pianale ecc.)
CERTIFICAZIONE OEKO-TEX:                 
Questa certificazione attesta che il prodotto può essere utilizzato a contatto con bambini di età inferiore a 36 mesi.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu